SLOWLANDPIEMONTE

I Menhir di Cavaglià (BI)

I Menhir di Cavaglià (BI)

Tra i motivi d’interesse all’interno del paese va annoverato un cromlech, vale a dire una sorta di monumento di forma circolare costituito da un insieme di grandi pietre grezze – i cosiddetti “menhir”.

Tale sito, osservabile all’ingresso del paese nei pressi della prima rotonda che s’incontra provenendo dalla Strada Statale n. 142 per Biella, è stato costituito di recente, collocando e spostando antichi massi la cui datazione non è certa: molti menhir sono di epoca neolitica, ma la loro costruzione si protrasse fino all’età del bronzo e anche in epoche più vicine a noi (fino alle soglie del medioevo).  Suggestiva è l’ipotesi che si tratti di antichissimi megaliti eretti con lo scopo di essere utilizzati come mire per segnare il sorgere o il tramontare sulla sfera celeste di particolari oggetti astronomici quali il Sole ai solstizi, la Luna ai lunistizi e le principali stelle.

La Soprintendenza per i Beni archeologici del Piemonte ritiene che il complesso megalitico di Cavaglià si riferisca ad un’area sacra preromana; su almeno una decina di pietre si è potuta constatare la presenza di incisioni rupestri (una croce e una coppella probabilmente tardomedioevali), oltre a tracce di lavorazione antica.

 

I misteriosi Menhir di Cavaglià

 
Da vedere a Cavaglià

La Chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo

La Chiesa di San Francesco

L’Oratorio di San Rocco

La Chiesa di Santa Maria di Babilone

  • Indirizzo: ITA

zoomgeolocalization

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Informazioni e prenotazioni

    Nome e Cognome*
    Telefono*
    Email*
    Numero persone*
    Data arrivo
    Data partenza
    Se siete più di una persona indicate nelle note il tipo di sistemazione che preferite (Camere singole, letti matrimoniali o separati ecc.)
    Altre richieste